I due Canaletto e le vedute di Varsavia

I due Canaletto e le vedute di Varsavia

Di Luca Palmarini

I pittori conosciuti con l’appellativo di Canaletto sono due, zio e nipote. Colui che ha immortalato le splendide vedute di Varsavia era il secondo, Bernardo Bellotto.

Il primo Canaletto si chiamava in realtà Giovanni Antonio Canal (1697-1678), conosciutissimo in tutta Europa per le sue vedute, che raffiguravano soprattutto Venezia e la sua laguna. Era un pittore molto richiesto soprattutto dai collezionisti inglesi. Sua sorella aveva un figlio, Bernardo Bellotto (1721-1780), che da ragazzino divenne allievo di Canal. Era assai talentuoso e quando si trovava all’estero firmava i suoi lavori utilizzando lo stesso appellattivo dello zio, “Canaletto” appunto, forse per sfruttare la fama acquisita dal suo parente. Con il tempo divenne anch’egli famoso, ma invece di dipingere le vedute della Serenissima egli si dedicò a quelle delle città alle cui corti era stato chiamato da imperatori, re e nobili. Visse a Dresda, Vienna, Monaco e negli ultimi anni della sua vita dimorò a Varsavia.

Nell’anno 1766 Bellotto partì alla volta di Pietroburgo per lavorare alla corte di Caterina II. Lungo il percorso si fermò alla corte di Stanislao Augusto Poniatowski con l’intento di ottenere delle credenziali per meglio presentarsi alla zarina. Alla fine, trovatosi assai bene nella capitale polacca, decise di restarci e nel 1768 divenne pittore di corte. Aveva a disposizione uno stipendio di 400 ducati l’anno per i lavori realizzati, più altri 430 per le spese personali. Si rivelò essere un pittore prolifico, in quanto dal suo arrivo alla morte, avvenuta nel 1780, si contano 57 opere. Tra esse vi erano le famose vedute di Varsavia, in numero di 30, di cui ne rimangono 24. A Varsavia Canaletto dipinse anche vedute di Roma e tematiche storiche.

 continua di leggere su LA POLONIA DI LUCA

– UN BLOG DI STORIA E CULTURA POLACCA

 

 

 


Storia di un aviatore ‘polacco’ tra realtà e fumetto

Morire per la Polonia: il sacrificio di Francesco Nullo