Anna German, la cantante dalla voce di velluto

Anna German, la cantante dalla voce di velluto

Di Luca Palmarini
Guardando al passato e ricordando i cantanti polacchi che hanno fatto la storia non si può certo tralasciare Anna German, forse la più internazionale delle star del periodo della Repubblica Popolare Polacca.
Che Anna German si sia sviluppata in un ambiente multiculturale ce lo suggerisce già la sua città natale, Urgench, nell’odierno Uzbechstan. Il padre era di origine tedesca (ma di Łodź) e di religione battista, la madre, invece vantava origini mennonite olandesi e la sua famiglia faceva parte di quei coloni accolti in Russia forse ai tempi di Caterina II.
L’incontro tra i due genitori di Anna avvenne nell’Asia centrale, alla porte dell’Iran, in un’atmosfera di terrore, in quanto il padre era in fuga, ricercato dall’NKWD (la polizia segreta bolscevica). Alla fine venne catturato fucilato come spia. Grazie alla nazionalità polacca del parde, la madre di Anna riuscì a ottenere, con la figlia e la nonna, il permesso di rimpatrio in Polonia e, come altri milioni di polacchi, venne mandata a vivere nel nuovo Occidente del paese dell’aquila bianca. All’inizio le tre donne si stabilirono nel paese di Nowa Ruda, poi a Wrocław in via Trebnicka, nel quartiere di Nadodrze. Nel capolugo bassoslesiano Anna studiò al liceo VIII e all’università, dove si laureò in geologia.


Il destino a volte è beffardo. C’è chi in un luogo ci nasce e ci passa praticamente tutta la vita, per poi morirci. Quello di Anna invece l’esatto contrario. Di sicuro si sentiva polacca, ma allo stesso tempo non poteva non sentirsi cittadina… continua di leggere su LA POLONIA DI LUCA – UN BLOG DI STORIA E CULTURA POLACCA


Vedi anche:

Breslavia – la città degli gnomi

Storia di un aviatore ‘polacco’ tra realtà e fumetto